Informazioni sugli Stati Uniti

Gli Stati Uniti sono il quarto paese al Mondo per estensione, oltre 9 milioni di kmq , più di 310 milioni di abitanti, circa 28 volte la superficie dell' Italia, 4500 km da est a ovest, quasi 2000 da nord a sud, 6 fusi orari che vanno dalle -6 ore di New York e di tutta la costa orientale (rispetto all' Italia) alle -11 delle Hawaii. E' possibile trovare all' interno del territorio americano qualsiasi clima e tipologia di ambiente naturale presente sulla Terra: si passa dai rigidissimi inverni dell' Alaska con picchi di -60 °C alle infuocate temperature estive della Death Valley che non di rado raggiungono i 55 °C, con tutte le innumerevoli sfumature che si possono trovare fra questi due estremi attraversando i 50 Stati che compongono la nazione.

A seguire le prime informazioni utili per un viaggio negli Stati Uniti e ulteriori approfondimenti nelle varie sezioni del website.

ORDINAMENTO DELLO STATO - Gli Stati Uniti d' America sono una repubblica federale (di tipo presidenziale) composta da 50 stati e un
distretto federale, 48 dei quali contigui e posizionati assieme al distretto federale di Washington DC - la capitale - nel centro del territorio del Nord America , tra Canada e Messico. Gli stati di Alaska e delle Isole Hawaii sono rispettivamente a nord ovest del Canada di fronte allo stretto
di Bering e nel mezzo della parte nella parte nord dell' Oceano Pacifico.

LINGUA UFFICIALE - Non esiste una lingua ufficiale riconosciuta (e questo la dice lunga sulla multietnicità e multiculturalità del paese) .
La più diffusa e parlata è ovviamente l' inglese anche se sta crescendo molto lo spagnolo soprattutto in Florida e nella parte sud della California

REGIONI DEGLI STATI UNITI - Ci sono numerosi modi e "teorie" per suddividere gli Stati Uniti in territori distinti ("regions") dal punto di vista geografico; spesso alcuni stati vengono inseriti in una determinata regione, piuttosto che in un' altra semplicemente per convenzione di chi ha effettuato tale suddivisione. Nello sport, ad esempio, non sempre è rispettato un principio strettamente geografico per distribuire le squadre professionistiche di football, basket, baseball, nei gironi regionali ("conference") in cui si scontrano prima di accedere ai play off di fine stagione. Anche autorevoli organizzazioni, come il National Geographic, o la Rand McNally utilizzano parametri che non sempre trovano riscontro con altre fonti, come quelle governative. Fatto sta che alcuni cittadini americani degli stati "di confine", forse non sanno ancora oggi a quale regione appartengono... La suddivisione che può ritenersi "quasi ufficiale" è quella utilizzata dal United States Census Bureau, che è poi quella in uso nelle scuole americane per lo studio della geografia (foto a destra) ovvero classificazione in 4 grandi aeree (West, Midwest, Northeast and South) e altre sub aere che portano a un totale di 9 regioni (Pacific, Mountain, West North Central, West South Central, East North Central, East South Central, Middle Atlantic, New Englans e South Atlantic). Per quanto riguarda questo website, pur seguendo i principi base del Census Bureau, utilizziamo anche particolari classificazioni regionali legate alla promozione turistica internazionale degli Stati Uniti. Il New England è l' unica regione in cui la classificazione geografica ufficiale e quella fatta per la promozione turistica (coalizione di 6 stati) coincidono; abbiamo poi il South, presentato così come è promosso dal consorzio "Travelsouth" che include bel 12 stati del sud-est, escludendo la Florida e includendo il Missouri. Altra regione turistica, che non rispetta esattamente i principi geografici, è quella conosciuta come "Real America", nella parte nord-ovest degli USA, che racchiude North e South Dakota, Wyoming e Montana che in realtà apparterrebbero, i primi, al Midwest (West North Central) e gli ultimi due al West (Mountain Region).

Quella che trovate in questo website è un mix che cerca di rispettare le suddivisioni "turistiche", dei già citati consorzi di promozione ("Real America", New England , South)  e al contempo prova ad inserire alcune componenti geografiche ufficiali (Pacific Region, Middle Atlantic).

CLIMA - Come accennato nell' introduzione, negli USA si possono praticamente riscontrare tutti i climi presenti sulla Terra. La città di New York è situata alla stessa latitudine di Napoli, Los Angeles alla stessa altezza di Casablanca e Miami , che è poco sopra il Tropico del Cancro, si trova alla stessa latitudine di Dubai. Le differenze climatiche sono abbastanza rilevanti fra le varie aree del paese.

La mappa qui a fianco rappresenta molto bene la suddivisione nelle diverse aree climatiche di tutti gli Stati Uniti continentali (ovvero escluso Alaska e Hawaii che data la posizione geografica estrema hanno climi altrettanto "particolari"). Va segnalato che all' interno delle stesse aree climatiche e talvolta all' interno dei confini di un singolo stato, si possono riscontrare notevoli differenze dovute
all' altitudine, alla presenza di deserti , oceani o montagne che favoriscono lo sviluppo di "micro aeree" con caratteristiche ben distinte.

La regione del medio Atlantico (in cui sono inserite le città di New York, Philadelphia e Washington DC) è caratterizzata da un clima continentale umido con inverni abbastanza freddi e con frequenti precipitazioni anche nevose (non rari i fenomeni temporaleschi anche di forte intensità) ed estati solitamente calde e con un tasso di umidità elevato. Sicuramente il miglior periodo per la visita in quest' area è rappresentato dalla primavera e l' autunno.

Per la zona del New England, che in parte rientra nella fascia climatica del medio Atlantico ma che coinvolge in particolare del Boston e gli stati del Massachusetts, Maine, Rhode Island, Connecticut, New Hampshire e Vermont, sicuramente gli inverni possono essere ancor più rigidi che a New York anche se va detto che ci sono micro aree con differenze notevoli fra loro. A nord il Maine, New Hampshire e Vermont sono maggiormente interessati dalla corrente fredda del Labrador e quindi le loro brevi estati rappresentano il miglior momento per la visita. Il sud del New England ha estati più calde e gradevoli e le coste ed anche le isole di fronte al Massachusetts godono di una stagione "balneare" (anche se ben diversa da quella che intendiamo noi...). Molto interessante su tutta la regione il fenomeno autunnale del "foliage" in cui le foglie delle diverse specie di alberi , in particolare gli aceri, assumono tutte le sfumature del giallo e del rosso creando uno spettacolo incredibile che attira ogni anno tantissimi turisti . E' il momento perfetto per la visita ed anche l' altissima stagione per gli hotel e va dalla fine di settembre a tutto ottobre a seconda delle zone.

Decisamente più caldo il clima che si rileva nella fascia meridionale che coinvolge gli stati della Florida, Georgia, Alabama , Louisiana (ed anche
gli altri stati del sud) e parte del Texas (quella che da sul Golfo del Messico). L' estate è decisamente calda e molto umida e gli inverni sono generalmente miti. Praticamente, in particolar modo gli stati affacciati sul Golfo, godono di un clima che si potrebbe definire sub tropicale.
Molto gradevoli la primavera e l' autunno che rappresentano le stagioni migliori per visitare questa zona.

La parte centrale del paese, quella che un tempo era identificata come la regione delle "Grandi Pianure", che dal nord del Texas e proseguendo col New Mexico , Colorado e su fino al Canada, ha un clima definito semiarido con estati calde ed inverni rigidi . In quest' area si inserisce la catena delle Rocky Mountains che attraversa trasversalmente gli stati di Colorado, Wyoming , Montana e Idaho; qui si hanno inverni rigidi con nevicate quasi sempre abbondanti (non a caso il Colorado ha tra le maggiori località sciistiche del paese) ed estati comunque abbastanza calde che rappresentano il periodo migliore per visitare queste regioni.

Il "Plateau del Colorado", ovvero l' altipiano che coinvolge il nord dell' Arizona e gran parte dello Utah (ed arriva a toccare anche gli stati di New
Mexico e Colorado) merita un discorso a parte essendo una regione cruciale dal punto di vista turistico. Alcuni tra i parchi nazionali più importanti degli USA sono in questa zona. Il clima è prettamente continentale con estati molto calde ed inverni abbastanza freddi. Va tenuto presente che in molti casi si va oltre i 1.800 metri di altitudine e per gran parte si tratta di ambiente desertico roccioso quindi con estati molto calde con frequenti brevi fenomeni temporaleschi pomeridiani, causati proprio dalle alte temperature, e inverni comunque rigidi con neve sui rilievi più alti. Il periodo migliore per la visita sarebbe sicuramente quello di maggio-giugno e settembre-ottobre escludendo, se possibile, i mesi di punta estivi che sono i più caldi , i più affollati di visitatori e con la già segnalata possibilità di piogge serali.

La California merita un discorso a parte essendo lo stato americano (se si esclude la città di New York) più visitato dai turisti di tutto il mondo. Data la notevole estensione da sud a nord si possono riscontrare notevoli differenze anche se in generale si può dire che gode di un
clima "mediterraneo" con l' alternanza delle quattro stagioni. Sicuramente più caldo e mite ,anche in inverno, nella parte sud verso San Diego e più umido e fresco nella parte nord verso l' Oregon. San Francisco ha un clima bizzarro e ben noto ai turisti che offre giornate estive in certi casi anche fredde a causa delle correnti che vengono dall' Oceanio Pacifico. All' interno dello stato, oltre l' imponente catena montuosa della Sierra Nevada che determina un clima tipicamente da altura (alpino), si trova in deserto che ha il suo picco estremo nel parco nazionale della Death Valley che raggiunge facilmente in estate i 50 °C.

La regione Nord Ovest (estremo nord della California, Oregon e Washington) è caratterizzata dalla presenza dell' Oceano Pacifico che ne fa una regione tendenzialmente temperata , anche se con situazioni climatiche estreme in certi casi. Molto umida e piovosa la costa , meno all' interno ma con rilievi montuosi importanti e di conseguenza temperature più rigide. Il periodo migliore per la visita sicuramente l' estate o la tarda primavera.

La parte del Midwest e Grandi Laghi (gli stati che dal Michigan e Minnesota a nord scendono fino al Kansas e nord dell' Oklahoma) è caratterizzata da un clima continentale con estati però più fresche della parte del medio Atlantico. La regione è interessata da notevoli escursioni termiche. Gli inverni sono lunghi e rigidi, soprattutto al nord, con temperature fino a -20°C nella regione dei Grandi Laghi e con frequenti precipitazioni nevose grazie anche all' umidità presente nell' aria dovuta sia alla presenza dei Grandi Laghi che della corrente del Golfo da sud. Molto forti i venti su tutta la zona. Le estati possono essere molto umide, con temporali e tornado, soprattutto al sud (in particolare Iowa, Kansas, Oklahoma). L'autunno è la stagione più piacevole per godersi la regione, le temperature sono più miti; coincide con il periodo della famosa estate indiana che coinvolge anche il medio Atlantico e New England.

Alaska e Hawaii sono gli stati con posizione e clima più estremi. L' Alaska ha inverni estremamente rigidi e lunghi che nella zona nord raggiungono con facilità i -50 °C / -60°C . Tipico clima sub artico /artico. La parte a sud che da sul Golfo dell' Alaska è un po' più mite anche in inverno arriva sempre ai -20 °C. Ovviamente la stagione ideale per visitare l' Alaska è la breve estate che va da fine giugno a metà agosto con temperature piacevoli anche sopra i 25°C e molte ore di luce grazie all' estrema latitudine. Le Hawaii sono posizionate nel mezzo dell' Oceano Pacifico poco al di sotto del Tropico del Cancro e hanno il tipico clima sub tropicale con temperature sempre miti che di media non scendono
mai sotto i 18°C in inverno e 24 /25 °C in estate. La differenza stagionale è dovuta più che altro alla differenza di precipitazioni . La stagione
umida va da novembre ad aprile con il picco massimo tra gennaio e febbraio e quella secca da maggio a ottobre.

FUSO ORARIO - Gli Stati Uniti sono attraversati da 6 fusi orari (vedi tabella sottostante )

Eastern Time - 6 ore rispetto all' Italia
Central Time - 7 ore
Mountain Time - 8 ore
Pacific Time - 9 ore
Alaska Time - 10 ore
Alaska Isole Aleutine - 11 ore
Hawaii Time - 11 ore

L' ora legale (Daylight Saving Time - DST) è osservata in tutto il paese escluso Hawaii, Arizona e parte dello stato dell' Indiana. Inizia la 2° domenica di marzo alle ore 2 AM e si conclude la 1° domenica di novembre alle 2 AM.

Si faccia particolare attenzione all' Arizona, stato con importanti attrazioni turistiche al suo interno (una per tutte il Grand Canyon) che in estate, non applicando l' ora legale, avrà lo stesso fuso orario della California (-9 ore rispetto all' Italia). La riserva Navajo all' interno dell' Arizona, molto vasta e situata nella parte nord orientale dello stato, osserva invece l' ora legale.

VACCINAZIONI - Non è richiesta nessuna vaccinazione o profilassi per l' ingresso negli Stati Uniti, neanche per coloro che visitano le regioni subtropicali e tropicali di Florida, Hawaii e Isole Vergini Americane.

VALUTA - Il Dollaro Americano è la valuta ufficiale. E' suddiviso in centesimi con monete da 1 cent (o 1 "penny"), 5 cents ("nickel"o half dime), 10 cents (1 dime) , 25 cents (1 quarter), 50 cents (o half dollar, molto rara) e, pur se poco diffusa, c' è anche la moneta da 1 dollaro ; le banconote sono invece da 1, 2 (rarissima), 5, 10, 20 , 50 e 100 dollari.
Sempre accettate e molto diffuse le Carte di Credito che diventano praticamente indispensabili come garanzia per il noleggio di un auto e per il pernottamento in hotel.

E' facile reperire contanti in tutti gli Stati Uniti grazie agli ATM (Automated Teller Machine) , praticamente dei bancomat, che si trovano un pò ovunque: all' interno dei principali hotel, presso i distributori di benzina e in alcune catene di supermercati e grocery store. Si usa la carta bancomat utilizzata negli sportelli bancari italiani, con lo stesso PIN e notevole risparmio sulle commissioni rispetto al prelievo internazioanale tramite carta di credito.

MANCE - Sono praticamente "obbligatorie". Al ristorante sarebbe buona norma prevedere una mancia del 15%-18% del conto totale. E' consuetudine dare mance ai portieri di albergo, ai tassisti, così come alle guide o agli autisti durante i tour con accompagnatore locale. Fare attenzione ai conti dei ristoranti soprattutto nelle località turistiche più importanti in quanto può accadere che (per evitare di non ricevere mance - o mance non adeguate - da parte dei turisti poco abituati a questa usanza, come non lo sono gran parte degli europei e sicuramente gli Italiani) siano già inserite nel conto sotto la voce "tip", "gratuity" o "service charge".

TASSE - Negli Stati Uniti i prezzi esposti di beni e servizi nei negozi , bar , ristoranti hanno una "sales tax" che varia da stato a stato ed è anche combinata con le tasse locali della città (può arrivare il alcuni casi anche quasi al 10 %) e si paga alla cassa. Da tenere presente quando si fanno acquisti e soprattutto informarsi prima sull' ammontare delle tasse locali, dato che solitamente non sono segnalate , per evitare spiacevoli "sorprese" sul conto finale. Ci sono alcuni stati come Alaska, Delaware, Montana, New Hamsphire e Oregon non hanno "sales tax" ma hanno comunque altre forme di tassazioni sui beni acquistati che possono variare anche da città a città.

CORRENTE ELETTRICA - Il voltaggio è 110 volt, con prese diverse da quelle italiane. E' opportuno munirsi di adattatori a lamelle piatte. Se si acquista materiale elettrico o elettronico da portare in Italia, è sempre opportuno farlo presente al negozio anche se ormai la gran parte degli dispositivi come computer, macchine fotografiche ecc.. hanno i trasformatori automatici che lavorano sia a 110 che 220 volt.

TELEFONO - La copertura telefonica per i cellulari è ottima, fatta eccezione per alcune aree remote talvolta all' interno dei parchi nazionali, soprattutto nel Sud Ovest, con canyon e gole strette che non consentono una buona ricezione del segnale. Informarsi comunque dal proprio gestore telefonico prima del viaggio per conoscere coperture di rete e costi di roaming internazionale in base al proprio contratto. I telefoni fissi (pubblici) sono ancora , contrariamente che da noi, molto diffusi e se ne trovano anche all' interno degli hotel , distributori di benzina, ristoranti. Generalmente funzionano con le schede prepagate o carte di credito. Molto diffuso il wi-fi , anche gratuito nelle aree comuni di molti hotel o caffetterie tipo i ben noti "Starbuks", che consente l' accesso ad internet ed al vantaggioso sistema Skype per telefonare tramite web a costo quasi zero.
Per chiamare l' Italia dagli USA è necessario comporre il numero 01139 seguito dal numero che si vuol chiamare incluso lo 0 del prefisso locale se si chiama un fisso. Per chiamare invece gli USA dall' Italia va composto lo 001 seguito dal prefisso locale di zona e successivamente dal numero dell' utente.

SALUTE, CURE MEDICHE E ASSICURAZIONI - Il sistema sanitario degli Stati Uniti e la qualità delle cure fornite sono di altissimo livello ma è prevalentemente in mano privata ( a parte i programmi assistenziali Medicare e Medicaid) e quindi i costi per i trattamenti medici, dal più banale al più complesso , sono altissimi. E' indispensabile essere in possesso di una valida polizza assicurativa medica che abbia ottimi massimali di spesa (almeno 100.000 $) prima di intraprendere un viaggio negli USA. Vi suggeriamo , per valutare costi e normative, di visionare il sito web di Allianz-Global Assistance , compagnia leader del settore, di cui siamo partner preferenziali.

LA MAGGIORE ETA' NEGLI USA - Un' informazione di pura curiosità in quanto interessa direttamente i cittadini americani, più che i turisti in visita, è quella sulla maggiore età, che è riconosciuta in maniera diversa e in differenti età nei diversi Stati. In linea di massima è 18 anni però, in alcuni stati come Arkansas, Nevada , Ohio, Tennessee, Utah e Wisconsin si considera raggiunta la maggiore età una volta conseguita la "graduation from high school" che potrebbe essere sia prima che dopo i 18 anni. In Alabama, Delaware e Nebraska la maggiore età si raggiunge a 19 anni e in Mississippi a 21 anni. Il raggiungimento della maggiore età comporta l' assumersi della tifale responsabilità nei confronti della legge (e questo è importante anche per chi visita gli USA) ma resta in vigore in tutti gli Stati il limite dei 21 anni per poter comprare e consumare alcolici , anche per i turisti ovviamente, (con piccole "sfumature" in alcuni stati che consentono di bere alcool sotto i 21 in presenza dei genitori). Ci sono poi le restrizioni di età sul noleggio auto che in genere è di 20 anni in tutti gli stati (New York e Michigan 18) ma con dei supplementi da pagare se si hanno dai 20- 24 anni compiuti e nessun supplemento dopo i 25 anni (vedi dettagli nella sezione Noleggio auto negli USA )

FESTIVITA' - Sono in vigore numerose festività legate prettamente alla storia ed alla tradizione degli Stati Uniti d' America, unite a quelle classiche che si festeggiano ovunque in occidente. Questo può voler dire negozi ed uffici chiusi, hotel e voli particolarmente pieni, soprattutto quando si parla di festività nel periodo estivo e magari vicine ai week-end. Vanno quindi tenute presenti nella pianificazione di un viaggio.
A seguire l' elenco completo.

• 1 gennaio: Capodanno (New Year’s Day)
• gennaio, 3° lunedì : Martin Luther King's Day - Il compleanno del leader della lotta per i diritti civili degli afro americani, assassinato nel 1968.
• febbraio , 3° lunedì : Washington Day (President' s Day) - Anniversario della nascita del primo Presidente.
• marzo/Aprile: Easter, Pasqua
• maggio , ultimo lunedì : Memorial Day - Questo è il giorno che l'America ha scelto per ricordare e per rendere omaggio al sacrificio dei soldati americani nelle guerre che hanno combattuto.
• 4 luglio: Independence Day - Insieme al Thanksgiving, la festività più importante negli States e per la quale emerge tutto lo spirito patriottico del popolo americano. Si commemora la Dichiarazione d’Indipendenza del 4 luglio 1776 dalla Gran Bretagna.
• settembre , 1° lunedì : Labor Day (Festa del Lavoro)
• ottobre , 2° lunedì : Columbus Day -In questa giornata si festeggia la scoperta dell’America in tutti gli stati, eccetto Alaska, Iowa, Oregon, Mississippi, Nevada, North e South Carolina, South Dakota. A New York in particolare viene tenuta anche una manifestazione.
• 11 novembre : Veteran’s Day - Festa dei reduci di guerra.
• novembre , 4° giovedì : Festa del Ringraziamento (Thanksgiving Day) - E’ una delle feste nazionali più importanti e tutti fanno l’impossibile per trascorrerla con i propri cari. In questa occasione è d’obbligo mangiare il tacchino accompagnato da salsa di mele, mirtilli rossi e patate dolci, i medesimi ingredienti che permisero ai coloni giunti dall’Europa a bordo del Mayflower di sopravvivere al terribile inverno del 1620/1621. In America il giorno del Ringraziamento dà inizio al periodo dell’Avvento natalizio.
• 25 dicembre : Natale (Christmas Day)

ALTRI EVENTI, FESTIVAL E CELEBRAZIONI - Il calendario degli eventi culturali e dei festival è vastissimo, citiamo per ovvi motivi di spazio solo alcuni particolari eventi.

L’ultimo giorno di carnevale, a New Orleans (LA) si festeggia il Mardi Gras; i colori oro e viola contraddistinguono la Bacchus Parade che attraversa il French Quarter invitando il pubblico ad unirsi alla parata. Il 17 marzo soprattutto nelle città di New York, Chicago e Boston – dove la comunità irlandese è molto numerosa – ma anche a St. Croix (Isole Vergini Americane) - con sfilate e brocche di birra si celebra il St. Patrick's Day. Il Bumbershoot si svolge a Seattle (WA) durante il primo fine settimana di settembre; 12 palcoscenici dove si esibiscono circa 200 band musicali, solisti, poeti commedianti ed attori. La Calaveras County Fair and Jumping Frogs Jubilee, che ha luogo a maggio in California (Mother Lode Country, tra Yosemite e Lake Tahoe), è una vera e propria fiera di paese come ai tempi di Mark Twain che prevede gare di salto e corse di rane giganti. Washington D.C. offre uno spettacolo stupendo in primavera quando gli alberi di ciliegio donati dal Giappone nel 1912 sono in fiore. Durante questo periodo ha luogo un festival che favorisce e promuove le relazioni tra USA ed il Giappone. Il mese di giugno a New York si celebra il mese del jazz ; concerti per le strade e teatri della città, con molti cantanti nella zona del Rockefeller Center. Central Park è il luogo giusto per gli amanti della musica classica, dove la Metropolitan Opera Company, esegue le opere dei grandi classici. A Cheyenne (WY) si svolge il Cheyenne Frontier Days, il più antico e grande rodeo all’aperto che si tiene ogni anno a metà luglio. Per tutti gli appassionati di Harley Davidson imperdibile l’appuntamento dello Sturgis Motorcycle Rally (giunto nel 2013 alla 73° edizione) che si tiene la prima settimana di agosto nella minuscola cittadina di Sturgis (SD) e che attira bikers da tutto il mondo. Durante tutto il periodo estivo nelle riserve degli Indiani Nativi si tengono i Pow Wow, raduni intertribali in cui vengono svolte danze e canti (dei veri e propri "contest" con premi) e talvolta anche rodei con cavalli e bestiame; uno dei più famosi è quello di Gallup in New Mexico che si svolge in agosto. Coloro che desiderano gustare una birra ghiacciata possono raggiungere Denver (CO) in ottobre quando si svolge il Great American Beer Festival, con più di 1.800 tipi di birre "made in USA". La notte del 31 ottobre si festeggia Halloween, la festa delle Streghe. Festeggiamenti, party e sfilate si tengono in tutti gli USA, ma senza dubbio le celebrazioni per eccellenza hanno luogo in Massachusetts a Salem, la città delle streghe, appunto. E' doveroso inoltre citare anche un avvenimento per il quale – pur non essendo una festività vera e propria - tutti gli Stati Uniti si fermano: il Super Bowl , la finale del campionato di football americano, che si tiene generalmente tra fine gennaio e la prima settimana di febbraio, in una città importante che abbia uno stadio adeguato all' evento (e di solito è il campo di casa di una delle 32 squadre dell' NFL).

© 2018 - Be Travel USA - Design and Powered by BluMade - All rights reserved | Be Travel USA è parte di Blueteam Travel Group